#BELGIO, MADRE BRUCIA VIVE LE SUE FIGLIE

Belgio, madre brucia vive le tre figlie e poi telefona al marito: «Ascolta le loro urla. Non le salverai»

image

◆ Dopo una corsa con il cuore in gola il marito l’ha trovata in giardino, tranquilla, in piedi accanto al capannone ancora fumante. Lei lo ha guardato negli occhi e gli ha detto con freddezza agghiacciante: «Dieci minuti di urla e poi è finito tutto».

Nel capannone c’erano i corpi carbonizzati delle tre figlie della coppia: Omy, due anni, Abbygail, quattro, e Madyson, sei, rinchiuse lì dalla donna, Thioro Mbow, 35 anni, che aveva riempito la stanza di carta per poi sbarrare la porta e appiccare il fuoco. E’ successo mercoledì a Lennik, un paesino vicino a Bruxelles, in Belgio.
La pazzia si è scatenata nella mente di Thioro quando ha ricevuto la lettera di un avvocato con la quale il marito, il 55enne Hellmut Ulin, le chiedeva la custodia delle bambine: quella scintilla è bastata a innescare una tragedia inimmaginabile. Ha chiuso le figlie nel capannone e ha appiccato il rogo per ucciderle: secondo la sua logica folle, meglio morte che affidate ad altri. Subito dopo ha telefonato al marito, che lavora in un cantiere a 12 miglia di distanza, per costringerlo a seguire in diretta che fine stavano facendo le sue bambine.

«Ascolta le loro urla – gli ha detto mentre le piccole morivano tra le fiamme che si levavano alte – Anch’io le sento, ma non farò nulla per salvarle. Faresti meglio a sbrigarti e correre qui, ma quando arriverai sarà troppo tardi per salvarle: non ti consegnerò mai le mie figlie».

Mary_Htw

Annunci

Un pensiero su “#BELGIO, MADRE BRUCIA VIVE LE SUE FIGLIE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...